Puntare su sé stessi: cambiare lavoro e inseguire i propri sogni

single-image

Non esiste un’età in cui si deve smettere di inseguire i propri sogni: in qualunque momento della propria vita è possibile reinventarsi, anche sul mondo del lavoro e dal punto di vista professionale. Un consiglio che proviene dagli esperti è quello di costruirsi un profilo professionale multiplo, per aumentare le possibilità di successo sia nel presente che nel futuro: ciò vuol dire, in sostanza, accostare competenze differenti, tenendo presente che il mondo del lavoro è decisamente cambiato rispetto a qualche anno fa.

Come è mutato il mondo del lavoro

Se nel passato era legittimo e frequente aspirare a conservare lo stesso impiego per tutta una vita, fino al momento della pensione, oggi lo scenario è diverso, anche perché sono cambiati i desideri individuali. Rimanere a lavorare sempre nello stesso posto potrebbe essere interpretato come una sconfitta o come un segnale di rinuncia. Resta da capire, però, in che modo ci si possa reinventare per arrivare a delineare un profilo multiplo. Il primo accorgimento che è utile tenere in considerazione è quello che prevede di pensare non solo a che cosa si sa fare in ambito professionale, ma anche alle proprie passioni e ai propri hobby. Ognuno di noi ha, nel tempo libero, delle attitudini che presuppongono capacità e competenze, anche se magari non si pensa ad esse come ad abilità che possono essere fatte fruttare.

Su quali competenze investire

Il ventaglio di opzioni è decisamente ampio ed eterogeneo: c’è chi è un mago dietro i fornelli e chi ha il pollice verde, chi è molto bravo nel bricolage e chi ama stare con i bambini. Qualunque sia l’abilità che si reputa importante, vale la pena di pensare a come la si potrebbe applicare in un contesto nuovo. L’imperativo da seguire è quello di fare affidamento sulle risorse personali per evitare le crisi e riuscire a superarle qualora si presentassero. Si tratta di puntare su sé stessi e di accrescere la propria autostima giorno dopo giorno. La ricerca di un lavoro ideale e soddisfacente si deve basare sulla valutazione delle proprie necessità e delle proprie abilità.

Come migliorare sé stessi

Ogni crisi deve essere ritenuta un’occasione da cogliere al volo, e non un ostacolo da dimenticare al più presto. I momenti di difficoltà sono importanti perché consentono di mettersi alla prova. Ciascuno di noi ha una forza nascosta che aspetta solo di essere estratta: l’energia va indirizzata, sotto forma di desideri e sogni da realizzare. Certo, poter contare su un budget economico sostanzioso può essere un punto di partenza importante, ma al di là dei soldi quello che conta è avere il coraggio e l’audacia di rinunciare a una posizione di comfort zone per buttarsi, anche se ciò comporta dei sacrifici e una buona dose di fatica.

Il percorso da seguire per valorizzare il proprio profilo

Il modo in cui ci si presenta determina, spesso, il successo o l’insuccesso di una missione. Per reinventarsi a livello lavorativo non si può fare a meno di mettere in risalto le proprie risorse e di valorizzarle. Nel momento in cui si prende una decisione, si deve essere certi e convinti: le scelte non vanno mai giustificate ma ostentate e discusse con orgoglio. Perfino chi ha sempre vissuto in casa (per esempio, una mamma di tanti figli) può mettere sul tavolo doti indiscutibili: l’abilità di agire in multitasking, la capacità di gestire il tempo con efficacia, la comunicazione, e così via.

La preparazione e la formazione

Frequentare uno o più corsi di formazione è un’idea che non va trascurata, ma solo a condizione che si tratti di un corso realmente efficace e di provata affidabilità: non ha senso spendere soldi per lezioni di poche ore che garantiscono un apprendimento minimo. Il corso migliore è quello che permette di approfondire il settore a cui si è interessati. Una volta migliorata la propria competenza, ci si sente più sicuri in sé stessi e, di conseguenza, ci si può rilanciare nel mondo del lavoro con più fiducia.

You may like